Come elimino la muffa sui muri?

La Muffa

La muffa un nemico per le nostre case e la nostra salute.

Le muffe sono funghi microscopici che durante la loro proliferazione liberano particelle (spore della muffa) che si disperdono nell’aria di casa.

La Muffa sui muri – Le cause

Come già anticipato le muffe sono dei funghi microscopici che si disperdono nell’aria.

La causa principale della muffa in casa è l’UMIDITA‘.

In genere le cause della muffa sui muri, si possono sintetizzare così:

  • scarsa ventilazione (pochi ricambi d’aria, ambiente spesso chiuso)
  • scarsa esposizione solare (ambiente buio o poco esposto al sole)
  • elevata umidità

La muffa si sviluppa in luoghi poco illuminati, su oggetti o pareti umide e in spazi sottoposti a scarsi ricambi d’aria.
Ecco che qui entra in gioco ed è rilevante avere dei buon infissi che garantiscano una buona areazione del locale e una buona tenuta termica.
Con i serramenti di nuova generazione oltre ai modelli con la consueta apertura “vasistas” ci sono modelli che sono dotati di MICROVENTILAZIONE (come sono dotate le nostre finestre) .
Questo tipo di meccanismo è utilissimo nei periodi invernali, senza dover aprire la finestra da la possibilità di un ricambio d’aria continuo senza dispersione di calore, utili nelle cucine e nei bagni dove spesso rimane all’interno del locale l’umidità che si produce quotidianamente.
La muffa si può formare anche nei condizionatori d’aria oltre che negli armadi sui tessuti e nelle fughe dei pavimenti.

Muffa e salute

E’ appurato che avere la muffa in casa fa male alla salute.
La muffa sui muri oltre ad essere antiestetica è anche molto NOCIVA.
I problemi che può causare la muffa potrebbero essere:

  • effetti sulla salute immediati
  • effetti a lungo termine, in genere cronici

L’impatto sulla salute è legato alla presenza di SPORE DI MUFFE nell’aria che respiri.
Queste spore possono avere effetti sull’apparato respiratorio e causare:

  • irritazioni al naso, occhi e gola
  • emicrania

Diversi possono essere i sontomi come:

  • tosse secca
  • tosse notturna
  • naso che pizzica o che cola
  • bruciore e lacrimazione oculare.

Questi effetti sono legati ad una immediata azione, ma ci sono anche effetti lungo termine.
Come ad esempio:

  • asma
  • rinite allergica
  • polmonite di ipersensibilità alle spore di muffa
  • malattie respiratorie allergiche

La muffa sui muri è ancora più pericolosa in camera da letto, in quanto durante il sonno la respirazione tende a farsi più profonda e aumenta l’inalazione delle spore.
Il Ministero della salute informa che l’esposizione alle Muffe può causare danni funzionali, purtroppo i più espsosti sono i bambini.

Progetto Infissi 3

Muffa sui muri – I rimedi

Per eliminare la muffa sui muri bosogna eseguire degli step.
Pima di iniziare importante è  risanare la parete impegando un antimuffa per muri (fai da te o già pronti all’uso) e eliminare i presupposti che hanno permesso la formazione della muffa sulle pareti di casa.

Ecco alcune linee guida per evitare la comparsa:

  1. Assicurarsi di dare ad ogni stanza un giusto ricambio d’aria da eseguire almeno due volte al giorno (qui utilissime , come già descritto prima, le finestre con la possibiltà della Microventilazione , soprattutto nei periodi invernali). Un ambiente ben ventilato è meno incline alla formazione di muffe.
  2. Controlla i livelli di umidità con un Igrometro (costo meno di 10€) e cerca di tenerlo sempre sotto il 40%, se occcore usa un deumidificatore.
  3. Non usare tappeti o moquette nelle zone dove c’è molta umidità. Se hai muffa sui muri del bagno o in camera da letto, elimina provvisoriamente il tappeto da questi ambienti (lo rimetterai in seguito quando sarai riuscito ad eliminare la muffa sulle pareti).
  4. Non asciugare la biancheria in casa, a meno che, non poni lo stendi biancheria in un ambiente con finestra aperta così da consentire un continuo ricambio d’aria.
  5. se noti condensa sui muri e piastrelle è un CAMPANELLO D’ALLARME per la troppa umidità presente nella stanza, in presenza di condensa cercare di areare frequentemente il locale.Progetto Infissi 5

Altri piccoli rimedi – Accorgimenti

  1. I Condizionatori sono un covo per la muffa. Assicurarsi di praticare una buona manutenzione e tenere i filtri puliti.
  2. Con le piante in casa cercari di annaffiarle lo stratto necessario, le irrigazioni possono causare un eccesso di umidità.
  3. Problemi di muffa sui muri della cucina , assicurarsi di utilizzare la cappa quando si cucina.
  4. Verificare sui muri esterni di casa che entrano in diretto contatto con il terreno,che la muratura sia stata realizzata con materiale idoneo.

Ci sono poi rimedi Naturali/della Nonna che possono aiutare all’eleminazione o ad una sanificazione temporanea delle pareti attacate dalla muffa, ad esempio l’uso di:

  • aceto
  • candeggina
  • salvia bianca (poco conosciuta , ma un ottimo antimuffa e funghicida)
  • bicarbonato e acqua ossigenata.

Ricordiamo che una casa ben isolata e dotata di Infissi che aiutano una buona areazione dei locali in qialsiasi stagione non avrà problemi di Muffa.

Informazioni ex art. 1, comma 125, della legge 4 agosto 2017 n. 124
Come disposto dall’art. 1, comma 125, della L. 124/2017, si espongono gli importi relativi a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e vantaggi economici di qualunque genere, ricevuti dalle pubbliche amministrazioni e dai soggetti assimilati alle pubbliche amministrazioni.

AIUTI DI STATO

SOGGETTO EROGANTESOMMA INCASSATADATA INCASSOCAUSALE
ERARIO3.440,0007/07/2020CONTRIBUTO f.DO PERDUTO DL 34/2020
ERARIO6.880,0009/12/2020CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO DL 137/2020
ERARIO969,0031/07/2020

I ACCONTO IRAP ANNO 2020

ERARIO289,0016/04-16/05CREDITO IMPOSTA BOTTEGHE E NEGOZI
ERARIO460,0016/09/16/11CREDITO IMPOSTA CANONI LOCAZIONE

La società dichiara inoltre aiuti di stato e aiuti de minimis e che questi sono stati pubblicati nella sezione trasparenza del Registro nazionale degli aiuti di Stato di cui all’art. 52 della L. 232/2012 e consultabili al seguente link https://www.rna.gov.it/RegistroNazionaleTrasparenza/faces/pages/… inserendo come chiave di ricerca nel capo CODICE FISCALE RBLFBA74S26B110T.